EVACLESIS
Chi diavolo è Eva Clesis?

Miss Eva Clesis è nata nel 1980 a Bari e scrive con uno pseudonimo dietro cui l’aneddotica si spreca. Le menti migliori di questo Paese perdono a tutt’oggi il sonno cercando di scoprirne le origini, voci di corridoio lasciano serpeggiare il dubbio che le storielle della Clesis sul suo pseudonimo siano inventate di sana pianta da lei, da chi la conosce bene, da chi la conosce male o da chi in quel momento passava di là.

Sia quel che sia, Miss Clesis ha iniziato a lavorare a vent’anni come grafico pubblicitario e a scrivere dopo i ventuno, ma per fortuna di tutti ha pubblicato solo nel 2004. Il suo battesimo di scrittrice l’ha avuto per la rivista d’arte e letteratura francese Verso con un articolo sulle opere dell’artista argentino Jack Vanarsky, scritto durante la sua permanenza a Parigi, quando la Clesis parlava di dadaismo e poesia beat, aveva i capelli arancioni, i vestiti lugubri ed era un vero dispiacere ascoltarla, immaginatevi leggerla.

A fine 2004, rientrata in Italia dopo una fuga rocambolesca dall’estero. A fine 2005 vede la luce editoriale il suo primo romanzo, A cena con Lolita, per la casa editrice Pendragon.

E' già in questi primi anni che i malcapitati lettori della Clesis si accorgono della sua prima vera caratteristica: la ragazza è intelligente, ok, ma nei titoli dei suoi libri non s’impegna.

Dopo bizzarre vicissitudini editoriali che solo per il momento vi vengono risparmiate, la Clesis pubblica il suo secondo romanzo, Guardrail, nel 2008, per la casa editrice Las Vegas dello scrittore Andrea Malabaila.

A fine 2008 la Clesis si trasferisce a Roma e nel 2010 pubblica un saggio eroticomico per la Newton Compton, 101 motivi per cui le donne ragionano con il cervello e gli uomini con il pisello.

A luglio 2011 esce E intanto Vasco Rossi non sbaglia un disco, il suo secondo libro per la Newton Compton. Il romanzo conferma la scarsa capacità della Clesis a vedersela con i titoli dei suoi libri o a difendere quelli originari, ma come ama dire sempre lei, bisogna sempre guardare al futuro perché non ci sorprenda alle spalle.

Tra il 2011 e il 2103 lavora come redattore editoriale per una casa editrice romana di saggistica. Nonostante si svegli alle sei per essere in ufficio alle otto e lavori fino alle sette di sera, il suo capo si convince che la Clesis di giorno svolga il lavoro di redattrice, e di notte quello di mistress. 
C'è voluta tanta pazienza e la minaccia di lasciarlo con cinquanta manoscritti sul groppone per fargli capire che scrittrice e mistress no, non sono sinonimi. 
Qualcuno però lo pensa, e non ha ottant'anni come il mio ex capo. 

Nel 2013 esce il noir Parole Sante per Perdisa, un libro che ha molto successo anche di critica. La Clesis rifiuta sdegnosamente le proposte dei registi di tutto il mondo di fare un film da questo noir perché lei disprezza il vile denaro e soprattutto la fama. E poi libri e film sono due cose diverse.
Solo una di queste due frasi purtroppo è vera. 

Nel 2014 esce il noir FInché notte non ci separi, per la casa editrice Lite Editions. La Clesis intanto va ad abitare prima a Milano e poi a Vigevano, a fare cosa non lo sa neanche lei. Cambiare aria, forse. 
Poi decide di abbandonare la scrittura e vivere in un eremo. Con sette gatti maschi, perché la gatta c'è già, è lei.
Arturo, Agostino, Asdrubale, Alieno, Adelaido, Attanasio e Arcimboldo. 

Ok, non è vero. Non ha abbandonato la scrittura e i gatti non ci sono.
Tutto ciò perché non voleva lasciare orfani i propri lettori. Ma che carina. 

E infatti il 2018 è l'anno della grande carambata: escono ben due romanzi!

Lo Straordinario per la Las Vegas Edizioni e Amor per Miraggi editore. Sempre lo stesso anno esce anche un'altra edizione di Guardrail. 

Cosa fa attualmente la Clesis e dove possiamo trovarla per simpatizzare con lei? Al momento la Clesis vive a Reggio Calabria, la città del gelato, e lavora come web editor per un sito che lei stessa ha creato con le sue manine sante. Quale non si sa. 
Ma potete avere a che fare con lei ogni giorno sulla sua pagina facebook, per avere caffè e buongiornissimi: https://www.facebook.com/clesiseva

 

I commenti sono chiusi.